Categoria: Vitigni

Schiava

Parlare di Schiava significa parlare di uno dei vitigni più citati nella letteratura di genere fin dal Medioevo, quindi una lunghissima tradizione. Due le ipotesi legate all’etimologia. La prima fa riferimento al tipo di coltivazione, visto che il termine potrebbe derivare da “sclave” (Schiave), sottintendendo quei vitigni che necessitavano di un sostegno (spesso alberi di melograno) in contrapposizione a tipologie “maggiori”, marocche o altane (alte).

Tag: , ,

Continua a leggere

Lambrusco

Il Lambrusco è un vitigno molto antico e per risalire alle origini del nome, per cercare di capire chi furono i primi a chiamarlo così dobbiamo tornare indietro al tempo degli Etruschi. Però le testimonianze sono scarse e le prime vere attestazioni ci arrivano solo nel II sec. a.C. grazie a Catone, che nel suo De Agricoltura nomina una vite selvatica dal nome di Labrusca. E non è il solo, perché con lui ci arrivano anche attestazioni di personaggi di spicco quali Varrone e Plinio il Vecchio.

Tag: , , , , , , , , , , ,

Continua a leggere

Le origini di questo vitigno sono assai confuse, sia per quanto riguarda l’etimologia del nome che per la “patria”. In effetti c’è sempre stata molta confusione e non è un caso se oggi ci siano ancora dei casi in cui, a disparità di nomi, ci si riferisca sempre allo stesso vitigno. Risulta infatti che quando parliamo di Favorita in Piemonte, di Rollo (una volta definito Vermentino di Rollo) o di Pigato, molto diffusi in Liguria, si faccia riferimento sempre alla stessa “famiglia” del Vermentino.
E anche la consueta distinzione sarda tra il Vermentino di Gallura e quello di Alghero fa riferimento, piuttosto che a una differenza genetica, a una differente area di coltivazione.

Tag: , , , , ,

Continua a leggere